Aggiornamento Fiscale 2020

Stai per acquistare un prodotto che rientra tra quelli che danno diritto alle agevolazioni fiscali?Vuoi essere sicuro che potrai rendicontare la spesa per richiedere Ecobonus, Sismabonus, Bonus ristrutturazione o Bonus mobili?Hai sentito parlare della possibilità di pagare i beni con l’IVA ridotta al 4% o al 10%?

Tecnoelettronica snc allega una breve guida per chiarire i dubbi.

Fattura per detrazioni fiscali

La cosa principale da considerare è che per rendicontare le spese detraibili è necessario poter dimostrare il pagamento: farlo quindi tramite bonifico bancario o postale, permette di indicare sullo stesso la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto beneficiario della detrazione e il codice fiscale o numero di partita IVA del beneficiario del pagamento. È importante conservare anche tutte le ricevute dei bonifici, che devono essere effettuati dalla medesima persona a cui sono intestate le fatture e che beneficerà della detrazione..

Pagamenti e fatture con IVA agevolata

Per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota IVA agevolata al 10% (per saperne di più l’articolo di riferimento è il numero 7, comma 1, lettera b e il 2, della Legge n 488/99). L’IVA agevolata si applica anche ai beni, ma solo se questi sono forniti dall’installatore: nel caso di lavori di installazione di un nuovo impianto di videocitofonia, se l’apparecchiatura è fornita direttamente dall’impresa che realizza i lavori, è possibile usufruire dell’IVA al 10% (nei limiti dei beni significativi) anche per la fornitura stessa del videocitofono. Se il videocitofono è acquistato direttamente dal committente, l’IVA da corrispondere è pari al 22%.

L’aliquota Iva agevolata del 10% si applica anche alle forniture dei cosiddetti beni finiti, vale a dire quei beni che, benché incorporati nella costruzione, conservano la propria individualità. Per esempio videocitofoni, sistemi TVCC, e simili. L’IVA da pagare su beni “finiti” in caso di Nuova Costruzione, Costruzione Prima Casa o Ampliamento è ridotta al 4%.

In questi casi la fattura con IVA agevolata (4% o 10%) può essere richiesta in fase di ordine con la compilazione del Cod.Fisc./P.Iva; la fattura va richiesta al momento dell’ordine o alla conferma del preventivo.

Non è possibile procedere con l’applicazione dell’IVA agevolata, in assenza dei documenti necessari previsti dalla Legge: autocertificazione, documento d’identità e SCIA.

In generale, anche in questo caso è importante conservare tutte le ricevute dei bonifici, che devono essere effettuati dalla stessa persona intestataria delle fatture (ovvero quella che beneficerà della detrazione). Per i pagamenti è necessario utilizzare il cosiddetto “bonifico parlante”, un particolare modello di bonifico che include la causale del versamento, il codice fiscale del soggetto pagatore, nonché codice fiscale o partita IVA del fornitore.

Cerchiamo di agevolare  i nostri clienti rispondendo alle  domande e chiarendo i dubbi riguardo l’IVA agevolata e i Bonus previsti, informiamo che  non siamo consulenti fiscali quindi il suggerimento è di fare riferimento alla sezione dedicata sull'Agenzia delle Entrate.